Stay Focus: Alberto Gentile

12 Dicembre 2020

Terza puntata del format di Stay O’ Party che va a conoscere più da vicino i protagonisti giallorossi

Come stai passando questo momento di stop forzato dell’attività. Ospedale, Casa, ospedale, non deve essere semplice.

“Ormai è un anno che la mia vita si basa su queste tre cose principali: ospedale, casa, famiglia. Non è una cosa semplice perché ti manca sempre quell’evadere un po’, cacciar via pensieri e ansie del lavoro che grazie allo sport, gli amici ed il tempo libero davano equilibrio alle cose! In più vivendo anche lontano da Casale tutto questo è ancora più difficile anche soltanto per salutare parenti o amici. Ringrazio Carlotta, la mia ragazza che quando siamo a casa con il riposo entrambi, fa il mio stesso lavoro, riusciamo a divertirci passiamo il tempo a cucinare e anche ad allenarci per sfogare un po’ le giornate pesanti”.

Abbiamo giocato solamente 5 partite ma per un ragazzo che è qui da tanti anni che effetto fa disputare un campionato di promozione con Stay O’ Party.

È un sogno che “con la vecchia guardia” ci eravamo prefissati dal primo giorno che approdammo in questa società, cercando di tornare ad un livello di calcio importante. Eravamo giovani ai tempi adesso era arrivato il momento di disputare questo campionato da vecchi con un altro bagaglio ed un’altra esperienza. Con una parte di quel gruppo siamo riusciti, peccato per gli altri perché era un sogno nel cassetto, ma lo stiamo facendo anche per loro. Comunque fa un bellissimo effetto

Ormai sei un veterano di questa squadra. Ti senti la responsabilità addosso ora che il gruppo ha al suo interno tantissimi ragazzi giovani che si affacciano per la prima volta in una squadra di grandi?

Si, diciamo che questa responsabilità l’ho sempre avuta a Stay O’ Party e anno dopo anno son riuscito ad avere una credibilità ed una responsabilità sempre maggiore. Questo grazie a chi ha sempre creduto in me e grazie anche a me stesso che ho sempre dimostrato chi sono umanamente e chi sono all’ interno di uno spogliatoio guadagnandomelo ogni giorno. Mi ha sempre stimolato far crescere i giovani e far capire quanto servano i sacrifici per ottenere dei risultati. Son sempre lì a consigliare a far capire lo sbaglio, spero che questa cosa gli serva in futuro. E poi non mi sento così vecchio dai, son più io quello che fa del casino dentro lo spogliatoio!

Come stai cercando di rimanere in forma non potendoti allenare con la squadra?

“Non ho mai mollato l’ allenamento, tra alcune sedute in casa ed in campagna nel rispetto delle norme ovviamente. Proseguo con il piano d’ allenamento che la società settimanalmente ci fornisce. È una cosa che amo lo sport in generele e far star bene il mio fisico perché ne guadagno parecchio anche mentalmente! Mi libera parecchio la testa dal mio lavoro e il mio fisico si stanca così posso riposare e recuperare bene l’ energie. Non è facile visto il lavoro che faccio, devi esser forte di testa per tenere sempre il massimo”.

Dicono che sei un buon giocatore di Fifa. Chi è il compagno con cui giocheresti in coppia se dovessi entrare nella squadra easports di Stay?

“Me la cavo dai, non sono un nerd come alcuni dei miei compagni. In questo periodo gioco parecchio, così riesco a sentire un po’ gli amici e ci divertiamo a prenderci in giro. Ma sicuramente al primo posto sceglierei Luca Dondi e poi Andrea Napolitano che sono’l eccellenza di FIFA all’ interno dello spogliatoio. Quest anno però c’è qualche giovane che non è niente male che non ho ancora avuto modo di sfidare”.

Cosa ti aspetti dal 2021?

“Vorrei non dir nulla visto il 2020. Doveva essere un anno speciale per me. DI cambiamenti personali, ma così non è stato. Verranno riproposti sicuramente nel 2021, qualsiasi cosa succeda. Quindi sicuramente sposarmi con Carlotta. Riprendere l’anno perso visto che il 2020 era l’anno dei 30, festeggiare con un anno di ritardo questo traguardo, ma festeggiarlo come si deve con amici parenti e fare una gran festa. Calcisticamente finire la stagione non so in che maniera ma cercare di portarla a termine perché abbiamo fatto tanti sacrifici sia i giocatori che società per disputare questo campionato. Poi prossimo anno si vedrà. Mi manca un ultimo tassello per completare gli obiettivi prefissati qualche anno fa. E poi per ultima, ma non sicuramente per importanza, questo 2021 vorrei tornare alla vita normale alla libertà normale, tra amici sport e famiglia vivendole sempre con il sorriso!”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CLASSIFICA

880 Visualizzazioni